Register  Login  Active Topics  Maps  

Che cosa hai fatto oggi?

  Tags: Italian
 Language Learning Forum : Italiano Post Reply
37 messages over 5 pages: 1 2 3 4
biagio
Newbie
Italy
Joined 5082 days ago

26 posts - 33 votes
Speaks: English

 
 Message 33 of 37
12 February 2011 at 7:58pm | IP Logged 
mr_chinnery wrote:
biagio wrote:
numerodix wrote:
Ieri ho letto molte pagine di un libro affascinante,
anche se non è scritto in
italiano. Ho anche visto un paio di filmati divertenti su youtube. Adesso vado a
preparare un bel caffè.

Mi dica...che cosa ha fatto oggi?

Oggi, non ho lavorato. Ho giocato sul mio computer, e ho raccolto una ricetta
medica. Un
giorno noioso, ma molto rilassante! Ho preparato chilli con carne per me stesso
e la mia
ragazza, è molto buono.

Questo è il primo tempo che scrivo in Italiano, correzioni sono
graditi!


"Il primo tempo" che scrivo in Italiano is wrong: it should be "la prima volta".
"Correzione" is a feminine noun, so le correzioni sono graditE.


Grazie per le correzioni Biagio. Mi dica, sono lei Italiano? Se e cosi, di dove sei?


I'm Italian. I live in a small village in central Italy, some twenty miles from the Adriatic Sea.

Edited by biagio on 12 February 2011 at 7:58pm

1 person has voted this message useful



Mauritz
Octoglot
Senior Member
Sweden
Joined 4942 days ago

223 posts - 325 votes 
Speaks: Swedish*, EnglishC2, Italian, Spanish, Russian, Turkish, Esperanto, French
Studies: Old English, Yiddish, Arabic (Written), Mandarin, Korean, Portuguese, Welsh, Icelandic, Afrikaans

 
 Message 34 of 37
12 February 2011 at 10:21pm | IP Logged 
Grazie mille per i correzioni, xander.XVII, però penso che mi hai frainteso. Non ho
voluto diro "Mi piace molto studiare/imparare lingue da autodidatta", ma "Mi piace molto
creare lingue artificiali". Tuttavia, il primo è anche vero! :P
1 person has voted this message useful



22atropos
Diglot
Newbie
Italy
Joined 4933 days ago

21 posts - 45 votes
Speaks: Italian*, English

 
 Message 35 of 37
15 February 2011 at 1:26pm | IP Logged 
mr_chinnery wrote:

Che era molto utile, particolarmente riguardo a la parola "dolore".
Andai in Italia quando avevo 14 anni, e ho visto roma, pompeii, capri e sorrento. Mi
sono innamorato con l'Italia, e ho gettato un penny nella fontana di Trevi. Quindi devo ritornare! Anche, ho voluto imparare una lingua per molti anni, cosi ho scelto
italiano. Ne sono molto godendo :) Posso chiedere dove abita in italia?

Perche lei piace inghlese? Il piu' Italiano imparo, piu' ci penso inglese deve essere
molto difficile da imparare! Lei sembra fare molto bene!


Vivo a Firenze, non troppo lontano dal parco delle Cascine.
I live in Florence, not too far from Cascine Park.

Si', ci sono molte cose antiche in questo paese. Se uno ama l'architettura, la storia
Yes, there are many ancient things in this country. If one loves architecture, history

e le arti figurative, qui ne puo' trovare in quantita'. Perche' mi piace l'inglese?
history and figurative arts, s/he can find a lot of them here. Why do I like English?

Cominciai con l'inglese per conto mio perche' aveva un bel suono. Ascoltavo
I began with English by myself because it had a beautiful sound. I used to listen to

le canzoni provenienti dall'Inghilterra e dall'America e un giorno decisi che
songs caming from England and America and a day I decided that

era arrivato il momento di imparare l'inglese. Diversamente da tutte le lingue
the time of learning English had arrived. Differently from all languages

di cui ero piu' o meno informato, l'inglese appariva chiaramente il linguaggio
I was more or less acquainted with, English clearly looked like the language

di un altro pianeta. Mi piace perche' puo' essere tagliente, netto, perentorio,
from another planet. I like it because it can be sharp, neat, peremptory,

conciso se le circostanze lo richiedono. Ma si adatta bene a sentimenti tenui
concise whether circumstances require. But it's well suited to soft feelings

che vanno espressi a bassa voce e con poche parole. E' un linguaggio per drammi,
that are to be expressed in a low voice and by few words. It's a language for dramas,

che amo, tanto quanto per temi scientifici, che pure amo.
which I love, as well as for scientific subjects, which I love too.

---

Here's now some notes of mine about your last message. Though please consider that
the extent of my notes is absolutely in no relation with the entity of your
so said "mistakes". It's only to give some flavour, some context more to you as well
as to other people who read them.

"Andai in Italia quando avevo 14 anni, e ho visto roma, pompeii, capri e sorrento.
Mi sono innamorato con l'Italia, e ho gettato un penny nella fontana di Trevi.
Quindi devo ritornare!"

This is almost perfect. The sequence of happenings is well formed, each of them having
its right pound into the overall description.
You have a minor mistake in "Mi sono innamorato con l'Italia": "to fall in love with"
is "to fall in love of" in Italian. Hence: "Mi sono innamorato dell'Italia".

Another little mistake is the lower case in "roma, pompei, capri e sorrento". That
might be a typo. Anyway only names of persons/ships and places (countries, cities,
rivers, seas, mountains, hills and so on) need upper case letters in Italian.
And, of course, titles of movies, books and everything like that. However, the title
"Electronic Devices and Circuits" is "Electronic devices and circuits" in the
Italian style. Days, months, years, languages (inglese, Italiano), inhabitants
(inglesi, Italiani) need lower case letters.

The major error is a syntactic one: you use the past tense (passato remoto) "Andai"
at the beginning of your sentence and the present perfect tense (passato prossimo)
"ho visto" "mi sono innamorato", "ho gettato" in the body of it.
The type of a tense can't generally be changed inside the same sentence. Much often,
inside the whole chapter of a book or the entire book either.
Here's something about this topic.

- PASSATO REMOTO - PAST TENSE

_ Italian side

Gli Italiani usano il passato remoto quando l'azione e' molto lontana nel passato e
Italians use the past tense when the action is very far in the past and

si e' conclusa.
came to an end.

Un fantasma dice: "Fui un falegname, ma avrei potuto essere un re"
A ghost says: "I was a carpenter, but could have been a king"
In this case the action (being a carpenter) is possibly far in the past and, of course, exhausted.

Un viaggiatore dice: "Andai in Italia. Molte furono le cose che vidi e udii"
A traveller says: "I went to Italy. Many were the things I saw and heard"
S/he perceives the travel as something happened years ago. Depending upon the
context, a sentence like that may be permeated with a general feeling of:
(a) nostalgia => I wish I were still there (but can't go cause haven't money,
     am ill/busy, etc.)
(b) aversion/dislike => All those things were unpleasant for me. I'll never return!
(c) drama => I heard nowhere the things I heard there

Because of (a), (b) and (c) the past tense is being used lesser and lesser in Italy,
especially in Spoken Italian. However it's a powerful tool in the hands of a
experienced writer. Italians prefer the perfect tense in almost all circumstances.
See below.

_ English side

L'uso del passato remoto e' differente in inglese. Secondo la mia grammatica,
The use of past tense is different in English. According to my grammar,

esso viene usato quando il periodo di tempo in cui si e' svolta l'azione e'
it is used when the period of time in which the action took place has

completamente trascorso e non e' piu' in relazione col presente.
completely elapsed and it's no longer in relation with the present time.

Uno dice: "L'ho visto un'ora fa"
One says: "I saw him an hour ago"

English uses the past tense, Italian the perfect tense: although the action
of "seeing him" is not any longer in relation with the present time, the amount of
time elapsed since my seeing him is small. If one said "Lo vidi un'ora fa",
s/he should expect to be considered an eccentric speaker.

More examples:

Sono uscito (perf. tense) alle dodici = I went out (past tense) at twelve
E' ritornato (perf. tense) ieri = He came back (past tense) yesterday
Sei uscito (perf. tense) alla fine della lezione? = Did you go out (past tense)
at the end of the lesson?
Quando gli hai parlato? (perf. tense) = When did you speak (past tense) to him?

The last example is a bit more tricky. If one asks "when", s/he can't know yet
if the action (speaking) happened lately or years ago. But the preference for the
perfect tense is strong and the speaker tends to assume that the action might be recent.


- PASSATO PROSSIMO - PERFECT TENSE

Gli Italiani usano il passato prossimo quando:
Italians use the perfect tense when:

(a) l'azione si e' svolta nel passato recente, non importa se finita o ancora
    the action happened in the recent past, no matter if ended or still
    
    in svolgimento
    in progress.

    Uno dice: "L'ho visto un'ora fa"   -> recent past => perfect tense
    One says; "I saw him an hour ago" -> action over => past tense

(b) l'azione si e' svolta nel lontano passato: in questo caso essa, anche
    the action happened in the far past: in this case it, even
   
    se terminata, dovrebbe avere qualche influenza sul presente.
    if terminated, should affect the present time in some way.
   
Un uomo dice: "Sono stato un guerriero di Cheope e, guardami ora,
                            vendo gelati su una spiaggia"
A man says:   "I've been a Khufu's warrior and, look at me now,
                            I sell ice creams on a beach."

The unhappyness of this very aged man is caused at the present time by his ancient
state of warrior. His past keeps influencing him. He uses the perfect tense, in
despite of the enormous time gap, because he strongly desires to be still a warrior.
So, he minimizes the gap using a tense which is generally used for recent happenings.
Of course, upon this point of view, anything happened in the past affects the present
time in a way or the other. But that's just the point: the perfect tense is a tense
for all seasons in Italian. I think it should be said in English "I was a Kufu's
warrior", since that's no longer the case. If the man had said "Fui (I was) un
guerriero..." that would be correct too: it would mean he prefers to show
sorrow (past tense) instead of intense desire (perfect tense).

--

In conclusion, your sentence might read:

"Sono andato in Italia quando avevo 14 anni, e ho visto Roma, Pompei, Capri e
Sorrento. Mi sono innamorato dell'Italia e ho gettato un penny nella fontana di
Trevi. Quindi devo ritornare! Ho anche voluto imparare una lingua per molti anni,
cosi ho scelto l'italiano. Ne godo molto:) Posso chiederle dove abita in Italia?
Perche le piace l'inglese? Piu' imparo l'italiano, piu' penso che l'inglese deve
essere molto difficile da imparare! Lei sembra fare molto bene!"

-> It's a common habit using the verb "to come" in place of "to go" in sentences
   like these: "Sono venuto in Italia quando avevo...". The writer is physically
   far from the reader, but he pretends to be located near to the person he's
   writing to.

--

Una domanda: e' possibile fare a meno del lei e usare direttamente il tu?
In Italia il tu viene sempre usato tra persone appartenenti a una medesima
comunita' di lavoro e molto spesso anche all'interno di gruppi che svolgono
attivita' di ricreazione e svago.
Questo potrebbe essere il caso dei frequentatori di questo sito.

Ciao!


Edited by 22atropos on 15 February 2011 at 1:30pm

2 persons have voted this message useful



22atropos
Diglot
Newbie
Italy
Joined 4933 days ago

21 posts - 45 votes
Speaks: Italian*, English

 
 Message 36 of 37
15 February 2011 at 2:09pm | IP Logged 
Aquila123 wrote:
Citato: "A orecchio "non ho potuto alzarmi presto" mi suona leggermente strano, e mi verrebbe da dire "non mi sono potuto alzare presto", con l'ausiliare "essere" che concorda con il verbo principale "alzarsi" piuttosto che con il verbo servile "potere", ma potrebbe essere un problema del mio orecchio nativo abituato a determinate forme dialettali/locali."

Non sono Italiano, ma credo che e corretto formalmente strutturarlo cosi: "Non ho potuto alzarmi presto". Formulata così l'ausiliare temporalea\aspettuale sta in concordanza con l'ausiliare modale.

Tuttatvia, credo che l'altra formulazione, col ausiliare "essere" a luogo del ausiliare "avere" e col pronome prefisso è più addatta al sviluppo contemporaneo della lingua Italiana.

Mi sembra che il sviluppo moderno vada a trattare tutti i pronomi e tutti i ausiliari quasi come prefissi posti ai propri luogi standardizati avanti al verbo principale e lasciare il ausiliare temporale/aspettuale concordarsi col verbo principale.


Complimenti per l'eccellente Italiano!
Per decidere tra "non ho potuto alzarmi presto" e "non mi sono potuto alzare presto"
bisognerrebbe applicare la regola ufficiale, che e' la seguente:

- Il verbo servile, in quanto servo (slave), non può decidere nulla sulla scelta
dell'ausiliare. Quindi consiglierei di chiuderlo in una stanza e buttare via la
chiave.

- Quello che decide è il verbo principale (master), cioè quello che nella
frase e' all'infinito. L'ausiliare da usare è proprio quello richiesto
dal verbo principale, indipendentemente che si faccia uso di un verbo
servile oppure no.

Pertanto, nel caso ci si trovi difficoltà, la difficoltà risiede solo nello
stabilire di quale ausiliare ha bisogno il verbo principale


Esempi.


Verbo principale FARE. Quale ausiliare richiede il verbo FARE?

Risposta: si deve dire "ho fatto" oppure "sono fatto?"(1).
Si deve dire "HO fatto", quindi l'ausiliare di FARE è AVERE.
Dunque, anche in presenza di un verbo servile, l'ausiliare di
FARE è sempre AVERE perche' il servile non conta nulla.

Ho (aux.) potuto (slave) fare (master - all'infinito)

"Sono potuto fare" è sbagliato perche' FARE non accetta ESSERE come ausiliare

---

Verbo principale ANDARE. Quale ausiliare richiede il verbo ANDARE?

Risposta: si deve dire "ho andato" oppure "sono andato?".
Si deve dire "SONO andato", quindi l'ausiliare di andare è ESSERE.
Perciò, anche in presenza di un verbo servile, l'ausiliare
di ANDARE è sempre ESSERE perche' il servile non conta nulla
Se si usa un verbo servile, questo deve accettare ESSERE come
ausiliare del verbo principale. Quindi:

Sono potuto andare
aux. slave   master

Sono potuto andare -> right
Ho potuto andare -> wrong (2)

Anche con un diverso verbo servile la faccenda non cambia:

Sono dovuto andare -> right
Ho dovuto andare -> wrong

---

Verbo principale NUOTARE (to swim). Quale ausiliare richiede il verbo NUOTARE?

Risposta: si deve dire "ho nuotato" oppure "sono nuotato?".
Si deve dire "HO nuotato", quindi l'ausiliare di nuotare è AVERE.
Perciò, anche in presenza di un verbo servile, l'ausiliare
di NUOTARE è sempre AVERE perche' il servile non conta nulla
Se si usa un verbo servile, questo deve accettare AVERE come
ausiliare del verbo principale. Quindi:

Ho voluto nuotare -> right
Sono voluto nuotare -> wrong

Anche qui, con qualunque verbo servile, l'ausiliare non cambia:

Ho dovuto nuotare -> right
Sono dovuto nuotare -> wrong

Ho potuto nuotare -> right
Sono potuto nuotare -> wrong


---

Il verbo servile prende sempre la forma del participio passato
in tutti i tempi e in tutte le persone se l'ausiliare è AVERE:

"Se io avessi POTUTO nuotare avrei avuto le pinne al posto delle gambe"
"Se tu avessi POTUTO nuotare avresti avuto le pinne al posto delle gambe"
"Se egli avesse POTUTO nuotare avrebbe avuto le pinne al posto delle gambe"
"Se noi avessimo POTUTO nuotare avremmo avuto le pinne al posto delle gambe"
"Se voi aveste POTUTO nuotare avreste avuto le pinne al posto delle gambe"
"Se essi avessero POTUTO nuotare avrebbero avuto le pinne al posto delle gambe"

Il verbo servile resta sempre al participio passato "POTUTO" in tutte le persone

---

Il verbo servile si accorda nel numero e nel genere col soggetto se
l'ausiliare è ESSERE:

1st person, singular
"Se io fossi POTUTO andare al mare mi sarei divertitO" (said by a men about himself)
"Se io fossi POTUTA andare al mare mi sarei divertitA" (said by a woman about herself)

2nd person, singular
"Se tu fossi POTUTO andare al mare ti saresti divertitO" (said to a men)
"Se tu fossi POTUTA andare al mare ti saresti divertitA" (said to a woman)

3rd person, singular
"Se egli fosse POTUTO andare al mare si sarebbe divertitO" (said about a men)
"Se ella fosse POTUTA andare al mare si sarebbe divertitA" (said about a woman)

1st person, plural
"Se noi fossimo POTUTI andare al mare ci saremmo divertitI" (said by men or a
                                                                                     group of women and men)
["Se noi avessimo potuto andare al mare ci saremmo divertiti"(2) -> wrong]
"Se noi fossimo POTUTE andare al mare ci saremmo divertitE" (said by women about
                                                                                        themselves)
["Se noi avessimo potuto andare al mare ci saremmo divertitE"(2) -> wrong]

2nd person, plural
"Se voi foste POTUTI andare al mare vi sareste divertitI" (said to men or to a
                                                                                     group of women and men)
["Se voi aveste potuto andare al mare vi sareste divertitI"(2) -> wrong]
"Se voi foste POTUTE andare al mare vi sareste divertitE" (said to women)
["Se voi aveste potuto andare al mare vi sareste divertitE"(2) -> wrong]

3rd person, plural
"Se essi fossero POTUTI andare al mare si sarebbero divertitI" (said about men or a
                                                                                     group of woman and men)
["Se essi avessero potuto andare al mare si sarebbero divertitI"(2) -> wrong]
"Se esse fossero POTUTE andare al mare si sarebbero divertitE" (said about women)
["Se esse avessero potuto andare al mare si sarebbero divertitE"(2) -> wrong]

Note.

(1) "sono fatto" non deve essere confuso con la forme riflessiva,
    che è TUTTA UN'ALTRA STORIA.
    Esempio: "Mi sono fatto una bistecca" = "Mi sono mangiato una bistecca"

(2) Queste forme vengono spesso usate nel linguaggio parlato e talvolta anche
    in letteratura. Quindi si potrebbero definire forme deprecate ma tollerate
    (deprecated but tolerated). Vedi anche qui:

      http://www.aetnanet.org/ module s.php? name=News&file=article&sid=11363

Ciao there up in Norway!

Edited by 22atropos on 15 February 2011 at 2:13pm

2 persons have voted this message useful



staf250
Pentaglot
Senior Member
Belgium
emmerick.be
Joined 5571 days ago

352 posts - 414 votes 
Speaks: French, Dutch*, Italian, English, German
Studies: Arabic (Written)

 
 Message 37 of 37
15 February 2011 at 8:59pm | IP Logged 
Grazie! Sono molto contento delle tue spiegazioni.


1 person has voted this message useful



This discussion contains 37 messages over 5 pages: << Prev 1 2 3 4

If you wish to post a reply to this topic you must first login. If you are not already registered you must first register


Post ReplyPost New Topic Printable version Printable version

You cannot post new topics in this forum - You cannot reply to topics in this forum - You cannot delete your posts in this forum
You cannot edit your posts in this forum - You cannot create polls in this forum - You cannot vote in polls in this forum


This page was generated in 0.4219 seconds.


DHTML Menu By Milonic JavaScript
Copyright 2024 FX Micheloud - All rights reserved
No part of this website may be copied by any means without my written authorization.