Register  Login  Active Topics  Maps  

Gli accenti

 Language Learning Forum : Italiano Post Reply
9 messages over 2 pages: 1
Camundonguinho
Triglot
Senior Member
Brazil
Joined 4619 days ago

273 posts - 500 votes 
Speaks: Portuguese*, English, Spanish
Studies: Swedish

 
 Message 9 of 9
27 December 2011 at 12:28pm | IP Logged 
Haukilahti wrote:
Come dice Mrs. Dalloway, l'importante è la posizione dell'accento. Invece l'apertura o chiusura delle E e delle O non ha praticamente nessuna importanza, al contrario del francese, per esempio. Ogni dialetto comunque pronuncia in modo diverso.
Non è vero.

Nell'Italia Centrale ancora si usano 7 vocali (come nella lingua standard).
Nei film doppiati (accento della RAI) si usano le vocali come nei dizionari.

C`è solamente una pronuncia standard dell'italiano (quella dei dizionari e dei doppiatori della RAI)., come c'è una sola pronuncia standard dell'inglese británico (RP).

Dire que le differenze tra le vocali aperte e quelle chiuse non siano importanti in Italiano è come dire que le differenze tra i toni (pitch) non sono importanti in norvegese o in svedese. (Ad Oslo e a Bergen le vocali si pronunciano molto differentemente, à ad Oslo suona come á a Bergen, pero nessuna persona di Oslo o di Bergen li confonde dentro del suo proprio accento).

90% degli accenti/dialetti Italiani ha 7 vocali toniche. Può dirsi che non sempre su distribuzione corrisponde alla norma toscana, pero questo non significa che le vocali dell'italiano suonano come quelle dello spagnolo (una lingua que hai solo 5 vocali toniche).

Neanche a Milano, Neanche a Rome la parola PERCHE' si pronuncia come la pronunciarebbe uno spagnolo:

a Milano: perchè, ventitrè (vocali aperte)
a Roma e Firenze: perché, ventitré (vocali chiuse)


Dizionario della pronuncia d'Italiano:
http://venus.unive.it/canipa/pdf/DiPI_3_A-Z.pdf

Gli spagnoli mai studiano l'italiano di 7 vocali, perciò hanno sempre
un ''fuerte'' accento spagnolo.

Anche in francese, Ogni dialetto comunque pronuncia è é in modo diverso. Pero, questo non vuol dire che possiamo eliminare queste vocali e usare una ''e moyenne''.
L''accento di Paris è come l''accento di Milano: c'è una tendenza di chiudere le vocali
nelle sillabe aperte, quelle que terminano in una vocale: a - mo - re), ed aprirle nelle
sillabe chiuse (quelle que terminano in una consonante: di-ver-so).

A Milano: tréno, témpo, divèrso, mòrto, amóre, Róma
A Firenze e Roma: trèno, tèmpo, divèrso, mòrto, amóre, Róma

amóre, Róma, ed con una vocale non-chiusa o
divèrso, mòrto, perciò, tè con una vocale non-aperta

saranno identificati come una pronuncia ''straniera'' o troppo dialettale.


In norvegese ci sono due toni.
In Italiano ci sono sette vocali toniche.

È così nella lingua standard, e nella maggior parte dei dialetti.
Poco importa si no c'è 100% di correspondenza tra i dialetti.

Se non puoi sentire la differenza accustica tra le vocali O ed E nelle parole
come AMORE (chiusa), MORTO (aperta), DIVERSO (aperta), SE (chiusa)
devi cercare un aiuto.


Devi scegliere un accento che ti piace ed usarlo con consistenza.
Ho scelto l'accento fiorentino colto (indicato nei dizionari Italiani).


Edited by Camundonguinho on 27 December 2011 at 1:31pm



3 persons have voted this message useful



This discussion contains 9 messages over 2 pages: << Prev 1

If you wish to post a reply to this topic you must first login. If you are not already registered you must first register


Post ReplyPost New Topic Printable version Printable version

You cannot post new topics in this forum - You cannot reply to topics in this forum - You cannot delete your posts in this forum
You cannot edit your posts in this forum - You cannot create polls in this forum - You cannot vote in polls in this forum


This page was generated in 0.1250 seconds.


DHTML Menu By Milonic JavaScript
Copyright 2024 FX Micheloud - All rights reserved
No part of this website may be copied by any means without my written authorization.